Guido Gay, vincitore della VII Edizione del Premio Internazionale Artiglio

Guido Gay con il robot sottomarino a controllo remoto "Pluto Palla"

Guido Gay con il R.O.V. robot sottomarino a controllo remoto “Pluto Palla”

Chi è Guido Gay, il vincitore della VII Edizione del Premio Internazionale Artiglio sul tema: Tecnologie avanzate per l’esplorazione sottomarina.

Guido Gay ha 74 anni, si è laureato in ingegneria elettrotecnica al Politecnico di Milano nel 1964. Di origine piemontese ha la doppia nazionalità: italiana e svizzera. Ha fondato la Gaymarine a Lomazzo (Co), società che si occupa di sviluppare nuove tecnologie sottomarine. Nel 1977 nacque Filippo, un piccolo R.O.V. (remotely operated underwater vehicle, sottomarino a comando remoto) dalle caratteristiche innovative. Poi iniziò a produrre dei robot subacquei (serie Pluto) con cui ricercare relitti nei fondali marini: a tutt’oggi Gay ha ritrovato ben due relitti moderni e 14 antichi.

Nel 1979 iniziò la caccia al relitto della Corazzata Roma. Questa nave, ammiraglia della nostra flotta, fu affondata il 9 settembre 1943 da bombe radioguidate sganciate da aerei tedeschi all’altezza del faro dell’Asinara in Sardegna. Nella tragedia persero la vita 1352 marinai italiani. Fra i morti, il comandante della nave, il viareggino capitano di vascello Adone Del Cima e l’ammiraglio Carlo Bergamini, comandante delle forze navali da battaglia della Regia Marina., che sulla Roma aveva issato le sue insegne.

Da quella data sono cominciate le ricerche di questo relitto. Numerose grandi imprese di recuperi di livello internazionale hanno tentato di individuarlo senza alcun risultato. Solo il 17 giugno 2012, il robot Pluto Palla di Guido Gay, riesce a fotografare, senza possibilità di dubbio, una parte del relitto della Roma.

Quando ho cominciato la caccia – dice Guido Gay – non avevo le strumentazioni attuali e alla fine ho dovuto fermarmi. Ho ripreso con nuove attrezzature. Ho setacciato il canyon di Castelsardo: il sonar aveva avuto contatti sospetti. Dovevo capire se erano solo rocce o qualcosa di più. Così sono tornato con il robot.
Sono sceso a oltre mille metri. Ho visto la torretta con i cannoni, il pezzo di ponte affiorare dalla fanghiglia del fondale. Sì, ce l’avevo fatta!

Due settimane dopo il ritrovamento, il 3 luglio 2012, in una conferenza stampa, la Marina Militare conferma che le foto mostrate da Gay si riferiscono al relitto della Roma, chiudendo così definitivamente questa caccia, iniziata ben 69 anni prima.

La Corazzata Roma, nave da battaglia lunga 240 metri per 44.000 tonnellate di dislocamento

La Corazzata Roma, nave da battaglia lunga 240 metri per 44.000 tonnellate di dislocamento, affondata il 9 settembre 1943 al largo della Sardegna

Clicca qui per il programma della VII Edizione del Premio Internazionale Artiglio, 25 maggio 2013.

Clicca qui per il programma del  XIII Convegno Nazionale “Historical Diving Society Italia”, 25 maggio.

4 pensieri su “Guido Gay, vincitore della VII Edizione del Premio Internazionale Artiglio

  1. Pingback: Il Dedalus a Viareggio per il Premio Internazionale Artiglio | Fondazione Artiglio Europa, Viareggio

  2. Pingback: Il Sindaco dell’Isola del Giglio a Viareggio per ricevere un attestato di benemerenza dalla Fondazione Artiglio Europa | Fondazione Artiglio Europa, Viareggio

  3. Pingback: Sabato 25 maggio a Viareggio, deposizione di una corona di alloro al Monumento ANMI | Fondazione Artiglio Europa, Viareggio

  4. Pingback: Il Tirreno parla del Premio Internazionale Artiglio | Fondazione Artiglio Europa, Viareggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...